CARTA DEL NUOVO MUNICIPIO
Per una globalizzazione dal basso, solidale e non gerarchica

 

La Carta del nuovo municipio è stata promossa dal Laboratorio di progettazione ecologica degli insediamenti (Lapei) che coordino presso l'Università di Firenze ed è stata sottoscritta da molti amministratori locali (primo firmatario il Presidente della Regione Toscana ). La Carta è stata presentata al Convegno delle Autorità locali del 28-29 gennaio a Porto Alegre in Brasile da Mercedes Bresso (Presidente della Provincia di Torino); è stata ampiamente discussa in due workshop del World Social Forum di Porto Alegre (il 2 e il 4 febbraio)coordinati da Giorgio Ferraresi e Giovanni Allegretti; infine è stata inclusa fra i documenti conclusivi della Conferenza generale sulla democrazia partecipativa dello stesso WSF.

Globalizzazione e sviluppo locale

Il mercato globale usa il territorio dei vari paesi e delle diverse aree geografiche come uno spazio economico unico. In questo spazio le risorse locali sono beni da trasformare in prodotti di mercato e di cui promuovere il consumo, senza alcuna attenzione alla sostenibilità ambientale e sociale dei processi di produzione.

I territori e le loro "qualità specifiche" - le diversità ambientali, di cultura, di capitale sociale - sono dunque "messe al lavoro" in questo processo globale che troppo spesso le consuma senza riprodurle. In tal modo toglie loro valore, innescando processi di distruzione delle risorse e delle differenze locali. L'alternativa a questa globalizzazione parte da qui: da un progetto politico che valorizzi le risorse e le differenze locali promuovendo processi di autonomia cosciente e responsabile, e di rifiuto della eterodirezione del mercato unico.

Lo sviluppo locale così inteso, che si identifica in primo luogo con la crescita delle reti civiche e del "buon governo" della società locale, non può divenire localismo chiuso, difensivo. Deve invece costruire reti alternative alle reti lunghe globali, che si fondino sulla valorizzazione delle differenze e delle specificità locali, e sulla cooperazione non gerarchica e non strumentale. In tal senso si può prospettare uno scenario definibile anche come globalizzazione dal basso, solidale, non gerarchica, la cui natura è comunque quella di una rete strategica (anche internazionale, mondiale) tra società locali. Questo progetto politico va costruendosi nell'attività di messa in rete di energie locali operata dal Forum Sociale Mondiale.

Il nuovo ruolo degli enti locali e delle loro unioni per una globalizzazione dal basso.

Per realizzare futuri sostenibili fondati sulla crescita delle società locali e sulla valorizzazione dei patrimoni ambientali, territoriali e culturali propri a ciascun luogo, gli enti pubblici territoriali debbono assumere funzioni dirette nel governo dell'economia.

E per costruire in forme socialmente condivise queste nuove funzioni di governo devono attivare nuove forme di esercizio della democrazia.

Solo il rafforzamento delle società locali e dei loro sistemi democratici di decisione consente, da un lato, di resistere agli effetti omologanti e di dominio della globalizzazione economica e politica, dall'altro di aprirsi e promuovere reti non gerarchiche e solidali. Il "nuovo municipio" si costruisce attraverso questo percorso, finalizzato a trasformare gli enti locali da luoghi di amministrazione burocratica in laboratori di autogoverno. Nelle nuove forme di autogoverno deve essere attiva e determinante la figura del produttore-abitante che prende cura di un luogo attraverso la propria attività produttiva: ciò è reso possibile dalla crescita del lavoro autonomo, della microimpresa, del volontariato, del lavoro sociale, delle imprese a finalità etica, solidale, ambientale,ecc.

Il nuovo municipio interpreta con maggiore attenzione le identità regionali, per fondare i progetti sulla valorizzazione dei giacimenti patrimoniali locali, contro forme di 'espropriazione esogena' e distruzione degli stessi giacimenti. Promuove inoltre la ricostruzione degli spazi pubblici della società locale come luoghi di formazione delle decisioni sul futuro della nuova comunità. Il nuovo municipio si dà come obiettivo un nuovo rapporto tra eletti ed elettori, oggi espropriati da logiche sovraordinate di natura economicista che escludono proprio i cittadini-abitanti-elettori dai momenti decisionali.

Questa nuova dimensione "democratica" di una società locale complessa, multiculturale e autogovernata che cresce e si rafforza nel progettare e costruire direttamente il proprio futuro può costituire il vero antidoto alla globalizzazione economica e al regno della paura, dell'insicurezza, e dell'impotenza prodotti dalla militarizzazione delle reti di governo globale.

Nuove forme di democrazia diretta

Il nuovo municipio si realizza attraverso l'attivazione di nuovi istituti di decisione che affiancano gli istituti di democrazia delegata, allargati al maggior numero di attori rappresentativi di un contesto sociale ed economico, con l'obiettivo della promozione "statutaria" di disegni di futuro localmente condivisi.

La predisposizione di scenari di futuro, che evitino linguaggi tecnocratici e specialistici, è la condizione perché la partecipazione, estesa agli attori più deboli e senza voce nelle decisioni istituzionali, produca l'individuazione dell'interesse comune attraverso il riposizionamento dei conflitti verso relazioni di reciprocità.

Il nuovo municipio rende parte integrante del processo di decisione (nei piani, nei progetti e nelle politiche) percorsi partecipativi strutturati. A questo scopo integra gli impegni della Carta di Aalborg e delle Agende 21 Locali negli strumenti di governo ordinario del territorio, dell'ambiente e dello sviluppo economico.

Questi nuovi processi decisionali sono finalizzati a produrre scenari di futuro e "statuti dei luoghi" a carattere "costituzionale", che nella composizione degli attori che le sottoscrivono si ispirino alla complessità degli statuti comunali medievali. Tale complessità viene re-interpretata con l'obiettivo di dare voce alle diverse componenti della società contemporanea nella definizione degli statuti. Gli istituti decisionali della nuova cittadinanza comprendono:

Il nuovo municipio ridefinisce la composizione di questi istituti ponendo attenzione all'equilibrio fra attori politici, economici e della società civile.
Il superamento della logica di una rappresentanza definita una tantum al momento del voto, ritrovabile nei concetti di partecipazione e di democrazia diretta, permette di produrre politiche pubbliche più efficaci nei confronti dei soggetti "diversi". Questi (spesso coincidenti con soggetti "deboli", ed oggi sottorappresentati nei luoghi della decisione) vengono coinvolti direttamente nella costruzione degli "statuti dei luoghi" e delle politiche che li attuano. Il nuovo municipio si attiva affinché gli enti sovraordinati promuovano, nei finanziamenti dei progetti locali, modalità partecipate di definizione degli stessi.

Il coinvolgimento di una maggiore pluralità di soggetti costituisce inoltre un'occasione per ampliare la conoscenza del locale, acquisendo rappresentazioni dei problemi che difficilmente possono essere interpretate attraverso mediazioni tecnico-scientifiche o politico-burocratiche. Fra i molteplici punti di vista sottorappresentati che caratterizzano la gestione dello sviluppo locale, vi sono ad esempio quelli "di genere", quelli degli anziani, degli immigrati, dei bambini, del mondo rurale; tutti soggetti che rivestono primaria importanza nella cura del territorio e nelle misure del buon vivere.

Le pratiche di coinvolgimento dei bambini nella costruzione delle politiche urbane messe in atto negli ultimi anni da moltissime amministrazioni locali costituiscono un buon esempio dell'efficacia del dar voce a punti di vista sottorappresentati nel migliorare la qualità di vita urbana.

Le strutture di consultazione, concertazione, decisione, gestione che affiancano il Municipio (o l'unione dei municipi) e la sua struttura elettiva costituiscono una forma intermedia fra la democrazia delegata e la democrazia diretta (assemblea, referendum, ecc). Queste strutture funzionano con continuità accompagnando l'intero processo di gestione di piani, politiche e progetti fin dalla fase delle decisioni e del finanziamento; la loro configurazione territoriale rispetta le forme di aggregazione socio-culturale locale, senza costringerle entro confini burocratici sovradeterminati.

Nuovi territori multiculturali

Il nuovo municipio produce nuovi scenari sociali attraverso il riconoscimento del radicamento abitativo e lavorativo dei nuovi abitanti provenienti da luoghi e paesi differenti. In questo processo si producono nuove relazioni comunitarie e interpersonali tra popoli e culture diverse.

In particolare lo spazio pubblico è il luogo di condivisione delle nuove pratiche dell'abitare e del vivere, molteplici e culturalmente differenziate.

Il nuovo municipio promuove politiche di accoglienza degli immigrati secondo i seguenti principi:

Nuovi indicatori di benessere

Il dibattito su questo punto è ormai decisamente maturo.
Il nuovo municipio si impegna a proporre criteri di valutazione delle politiche e dei progetti che siano ispirati alla semplificazione e all'innovazione culturale dei meccanismi di valutazione tecnocratici e tecnicistici, la cui complicatezza e la cui farraggine sono inversamente proporzionali all'efficacia raggiunta.

Il primo criterio di valutazione riguarda il grado e la forma della partecipazione sociale alle decisioni, rispetto all'obiettivo dell'empowerment delle società locali.

Il secondo criterio prevede un drastico ridimensionamento del PIL (come unico indicatore del benessere) e la sua integrazione con indicatori relativi alla qualità ambientale, urbana, territoriale, sociale, e al riconoscimento delle diversità e delle culture. Il terzo criterio riguarda il livello e le modalità di riconoscimento del patrimonio locale come base per la produzione di ricchezza durevole.

Il quarto criterio di valutazione riguarda la sostenibilità dell'impronta ecologica, con particolare riferimento

Nuovi sistemi economici locali autosostenibili

Il nuovo municipio, attore chiave nel governo dei processi di valorizzazione del patrimonio territoriale, deve guidare lo sviluppo economico autocentrato, aiutando attori deboli ad emergere, decidendo cosa, come, quanto, dove produrre per creare valore aggiunto territoriale, favorendo la crescita delle autonomie della società locale come soggetto collettivo e complesso.

L'insicurezza generata dallo "sviluppo", dalla fragilità delle alte tecnologie, degli alti grattacieli, delle vite e dei semi artificiali dagli effetti oscuri, richiama bisogni di riappropriazione della conoscenza delle forme della riproduzione dei mondi vitali, della misura del tempo di vita, della fiducia comunitaria e della de-tecnologizzazione verso l'appropriatezza delle tecnologie rispetto al contesto.

Il nuovo municipio promuove economie locali che mettano in valore i beni territoriali e ambientali comuni, che tendano a chiudere i cicli della riproduzione dell'ambiente e della società locale, che sviluppino tecnologie e filiere produttive appropriate al luogo e alle sue risorse. Questa promozione può generare sicurezza comunitaria senza città blindate, competizione sulla qualità dei prodotti senza guerra, e relazioni improntare allo scambio solidale.

Forme di valorizzazione del patrimonio territoriale locale

Il patrimonio territoriale è indivisibile. Non è possibile pensare di salvaguardare alcune riserve di natura (i parchi) e di storia (i monumenti, i centri storici) e ammettere altrove qualsiasi trasformazione distruttiva.

Il nuovo municipio assume una definizione estensiva di patrimonio che identifica con il territorio dei luoghi e delle genti, con i suoi caratteri e valori ambientali, paesistici, urbani, con i suoi saperi, culture, arti, nella sua integrale individualità che vive fra passato e futuro. La valorizzazione del patrimonio è possibile nell'incontro fra le energie del futuro e la memoria e i giacimenti dei luoghi.

Il nuovo municipio promuove una nuova rappresentazione del patrimonio territoriale per costruire consapevolezza dei propri valori identitari, dei potenziali di produzione di ricchezza durevole, e per stimolare progetti, piani e politiche atti a generare una nuova economia sociale, fondata sulla valorizzazione collettiva del patrimonio stesso.

Il nuovo municipio aiuta e valorizza gli attori economici, sociali e culturali della città e del mondo rurale che partecipano creativamente alla formazione di progetti capaci di accrescere il valore del patrimonio territoriale locale.

Il mondo rurale acquista nuova centralità in questo processo di valorizzazione del patrimonio territoriale: i nuovi agricoltori non producono solo merci per il mercato, ma anche beni e servizi pubblici, remunerati dal nuovo municipio, per la cura dell'ambiente, del paesaggio, della qualità urbana.

Reti di scambio equo e solidale

Il nuovo municipio si fa interprete di nuove relazioni di scambio di culture, di prodotti tipici, di saperi tecnici e politici, improntati al superamento della competizione economica selvaggia verso forme di cooperazione e di mutuo scambio solidale fra città del nord, fra sud e nord, fra sud e sud.

Il municipio occidentale esporta la consapevolezza della crisi del proprio modello industrialista e sviluppista ed i germi delle alternative sperimentali a quella crisi; il municipio dei paesi poveri (in via di non sviluppo) può proporre gli insegnamenti della autorganizzazione della sopravvivenza allo sviluppo stesso.

Le reti dello scambio equo e solidale costituiscono la trama minuta ma densa della strategia "lillipuziana" contro la globalizzazione economica.