icona_youtubefacebook

1.1 Target ed indicatori

Il secondo obiettivo di sviluppo del millennio focalizza l'attenzione internazionale sull'importanza strategica, al fine di mantenere fede a quanto dichiarato nel 2000, di intensificare gli sforzi per portare tutti i bambini e bambine a scuola, soprattutto chi vive nelle zone rurali o appartiene a minoranze discriminate e svantaggiate, e per eliminare le disuguaglianze sociali, religiose, linguistiche e di genere.

Il secondo obiettivo presenta un solo traguardo attraverso il quale le Nazioni Unite mirano a

garantire che, entro il 2015, tutti i bambini e le bambine, ovunque vivano, siano in grado di terminare un ciclo completo di istruzione primaria.

Lo stato di avanzamento dell'obiettivo è misurato attraverso alcuni indicatori che prendono in considerazione alcuni parametri come l'iscrizione, il conseguimento del titolo primario e l'alfabetizzazione in età adulta.

Nello specifico, le Nazioni Unite monitorano, attraverso il Millennium Development Goal Monitor  (MDG Monitor) e le misurazioni quantitative lo stato di avanzamento dei seguenti tre indicatori (per la lista ufficiale vedi qui):

Tasso netto di iscrizione alla scuola primaria

È il rapporto tra il numero di bambini aventi l'età legale per essere ammessi alla scuola primaria che effettivamente vengono iscritti sul totale della popolazione di bambini che ufficialmente hanno l'età per essere iscritti alla scuola primaria. Questo rapporto è espresso in percentuale.

L'età legale per essere ammessi alla scuola primaria è definita dall'International Standard Classification of Education dell'UNESCO (ISCDE); non può essere inferiore a cinque o superiore a sette anni; in principio dovrebbe coprire sei anni di ciclo d'istruzione.

Laddove, all'interno di un Paese, esista più di un sistema di istruzione primaria, la struttura più diffusa o comune è usata per determinare il gruppo ufficiale dell'età scolastica. A livello globale, l'istruzione primaria comprende programmi finalizzati all'apprendimento della lettura, della scrittura e del contare insieme alla comprensione di base di altre materie come la storia, la geografia, le scienze naturali e sociali, l'arte e la musica (fonte).

Proporzione di bambini e bambine che iniziano il primo anno e che raggiungono l'ultimo anno del ciclo primario 

Questa proporzione misura la percentuale di una coorte (cioè un gruppo di persone accomunate da un evento accaduto nello stesso periodo) di bambini iscritti alla classe prima della scuola primaria in un determinato anno che dovrebbero raggiungere l'ultima classe della scuola primaria (senza tener conto dei/delle ripetenti).

Per esprimere il concetto sopradescritto, cioè la percentuale degli alunni iscritti al primo anno della scuola primaria che dovrebbero arrivare all'ultimo, si utilizza anche l'espressione "Tasso di sopravvivenza scolastica fino all'ultimo anno dell'istruzione primaria" (fonte).

Tasso di alfabetizzazione di donne e uomini in età compresa tra 15 e 24 anni 

È definito come la proporzione di popolazione di età compresa tra 15 e 24 anni in grado di leggere e scrivere con comprensione una breve e semplice affermazione sulla vita quotidiana. Generalmente, il concetto di alfabetizzazione include, oltre all'abilità di leggere e scrivere, anche il far di conto, cioè l'abilità di eseguire semplici calcoli aritmetici. Per esprimere il concetto sopradescritto, si utilizza anche l'espressione "Tasso di alfabetizzazione giovanile" (fonte).